28 June-6 July 2022
MCE Mostra Convegno Expocomfort 2022
keyboard_arrow_left Vedi tutte le news

News recenti

01 Jul, 2022 /
MCE Team
Le comunità energetiche sono la soluzione obbligata se si vogliono raggiungere gli obiettivi per il 2030
Una soluzione che vede nell'utenza domestica e nei distretti industriali italiani un pot...
29 Jun, 2022 /
MCE Team
Il mercato degli impianti vale il 34,7% del mercato delle costruzioni, a conferma delle dinamiche positive nonostante l’incertezza che grava sullo scenario internazionale
Presentato alla 42a edizione di MCE Mostra Convegno Expocomfort l’8° Rapporto Congiun...
29 Jun, 2022 /
MCE Team
MCE 2022 Cartella stampa
MCE 2022 Cartella stampa
23 Jun, 2022 /
Ecoforest
Naturally Innovative: Ecoforest Offers the Widest Range of Air-Source Heat Pumps with Natural Refrigerant
The ecoAIR+ PRO range consists of four different power ratings for air-based heat pumps,...
21 Jun, 2022 /
ZEHNDER GROUP ITALIA
ZEHNDER CALADAIR
Unità di ventilazione ad alte portate per edifici residenziali e non residenziali. Oltr...
MCE Team
/ 07 Jun, 2022
keyboard_arrow_left Vedi tutte le news

Caldaia o pompa di calore? Con l’Economia circolare non si acquisterà più il prodotto, ma il servizio, decidendo il comfort che si vuole

Il prodotto diventa un servizio, è uno dei paradigmi dell’economia circolare; applicato alla climatizzazione significa che l’utente non acquista più una caldaia o un climatizzatore, ma il servizio che gli dà il comfort desiderato. Fantascienza? No è un processo già avviato, basti pensare agli autoveicoli e ai telefoni cellulari. Una rivoluzione silenziosa che cambierà il modo di affrontare questo tema entro i prossimi 2 anni e permetterà al cittadino/utente di essere informato in tempo reale su quanto gli costerà il servizio senza doversi più occupare della scelta tecnologia. È lo scenario che anticipa Giuliano Dall’O, Coordinatore dell’MCE Lab e Ordinario di Fisica Tecnica Ambientale presso il Dipartimento ABC del Politecnico di Milano.

Milano, 7 giugno 2022 - Il maggior costo dell’energia, la crisi ucraina, il progressivo miglioramento dell’efficienza degli impianti, giocano un ruolo nell’accelerare l’evoluzione verso sistemi economici più sostenibili. L’Economia Circolare è la strategia che il mondo deve adottare per favorire questa evoluzione, in tutti i sensi; si tratta per molti aspetti di una rivoluzione non solo per le modalità di produzione, ma anche, e soprattutto per i cittadini, culturale. Ma è un fenomeno inarrestabile che ha come base il concetto della circolarità del bene, la cui grande novità consiste nel fatto che dopo la dismissione questo sarà smontato e i suoi componenti daranno vita ad altri prodotti. Qui sta la prima rivoluzione: il prodotto ha un valore anche alla fine del suo ciclo di vita, ma questo è un valore solo per chi può sfruttarlo e questo nuovo processo cambia il ruolo di possesso/utilizzo del bene. 

Questa nuova condizione è già attiva nel settore della mobilità, nel terziario e nelle nostre case: dalle macchine del caffè ai servizi e prodotti di telefonia e informatici. – afferma Giuliano Dall’O’, Coordinatore dell’MCE Lab e Ordinario di Fisica Tecnica Ambientale presso il Dipartimento ABC (Department of Architecture, Built Environment and Construction Engineering) del Politecnico di Milano – E il passo per arrivare agli impianti per la climatizzazione o per la produzione di acqua calda è più breve di quanto si possa pensare, supportato dai vincoli sempre più rigidi che la legislazione in tema di efficienza energetica e di sicurezza impone e dai vantaggi che questo cambiamento permette di avere: usufruire di un servizio significa poter delegare ad una impresa esterna tutte le relative incombenze, dall’investimento iniziale, ai costi di manutenzione, all’adeguamento normativo. E in un ambito tecnologicamente complesso si ottiene anche la consulenza per la scelta della soluzione migliore, perché pagando per il livello di comfort richiesto questo è quanto dovrà essere garantito dal fornitore del servizio.” 

Il nuovo paradigma offerta dall’Economia Circolare fa sì che le aziende abbiano interesse a conservare la proprietà del prodotto e l’utente ad acquistare il servizio desiderato o di cui ha bisogno. È una situazione win-win che permette all’utente di non preoccuparsi della scelta di acquisto e della manutenzione del prodotto o della sua obsolescenza, ma solo del livello qualitativo del servizio che vuole. Al contempo, l’azienda, conservando la proprietà del bene mantiene il controllo del valore anche alla sua dismissione, potendo riciclare e riutilizzare ogni singolo pezzo del materiale. Inoltre l’interesse delle aziende fornitrici del servizio ad avere impianti molto efficienti permette anche una riduzione sempre maggiore dei consumi energetici e quindi dell’inquinamento ambientale.

Tutto così facile? No, come in tutti i nuovi paradigmi, il mercato deve dare delle garanzie di chiarezza. Conclude Dall’O’: “Partendo dall’aspetto che più interessa l’utente ossia il costo, deve essere sicuro che il servizio offerto sia effettivamente concepito in modo chiaro e che permetta di conoscere il livello del servizio che sta acquistando. Così come sono importanti le condizioni di fornitura, dalla manutenzione continuativa all’assistenza in caso di guasti, ma da questo punto di vista le tecnologie IoT permettono alle aziende di programmare in modo efficiente questo tipo di attività e di dare ottime garanzie agli utenti.

Per supportare lo sviluppo in Italia dell’economia circolare, analizzandone le opportunità di mercato, ma anche gli ostacoli tuttora esistenti, il 29 giugno verrà organizzato l’incontro “Gli Stati Generali: circular economy, circular city”, una giornata di confronto tra le aziende e i responsabili delle politiche urbane, a conclusione del programma di interventi sul tema partito lo scorso autunno con i Circular Economy Events.
In lavorazione. Attendi.
Loading...